Se avete letto il mio precedente post sapete di cosa vi sto per parlare.

La scorsa settimana, ospite nell’accademia L’Orèal, ho scoperto la piastra per capelli Steam Pod.

Come ci è stato spiegato, chiamare questo strumento piastra è un po’ riduttivo, perchè in realtà le sue funzionalità sono maggiori rispetto a quelle di una classica piastra.

Alcune di voi magari la conoscono perché l’hanno utilizzata nei saloni di bellezza, dato che fino ad Aprile, non sarà possibile provarla diversamente.

Io e le mie colleghe blogger abbiamo avuto il piacere di testarla in anteprima. La versione “da casa” ha il serbatoio più piccino rispetto a quello dei saloni, proprio per renderla più pratica negli spazi del proprio bagno.

Ciò che rende speciale questa piastra è il vapore che genera e che permette ai trattamenti di penetrare nel capello. Tutto ciò garantisce una cura del capello maggiore rispetto ai vecchi sistemi, una  piega più duratura ed un effetto anti-umidità-anti-crespo.

Il risultato è questo…