In quel tempo, la gente diceva: "La malattia è castigo di Dio! Vivono in un abbandono totale, senza aiuto né solidarietà da parte di nessuno. Visitatelo di rado. Aforisma[3] = "Chi vuole che gli sia concesso un dono, apra la sua mano agli altri. Una volta curato, l’uomo deve continuare a non peccare più, in modo che non gli succeda qualcosa di peggio! Ovvio che vogliamo guarire! E sull’istante quell’uomo guarì e, preso il suo lettuccio, cominciò a camminare. Ricorreva una festa dei Giudei e Gesù salì a Gerusalemme. Lo guarisce, perché vuole aiutarlo. Era un giorno di festa per i Giudei e Gesù salì a Gerusalemme. Evitiamolo a tutti i costi! Nella lettura del Vangelo di Giovanni della Domenica di Pasqua, Gesù dice a Maria Maddalena che non lo trattenga perché «non sono ancora salito al Padre» (Gv 20,17). Aforisma[15] = "Abbi fiducia, non sei solo nel tuo abbandono: Dio ti manderà un angelo che non ti abbandonerà mai, neanche se tu hai abbandonato te stesso (Anselm Grün)" • Hai mai avuto un’esperienza simile a quella del paralitico: rimanere molto tempo senza aiuto? Poco dopo Gesù lo trovò nel tempio e gli disse: “Ecco che sei guarito; non peccare più, perché non ti abbia ad accadere qualcosa di peggio”. E Gesù, che sapeva la sua storia, gli chiese: “Vuoi guarire? (Testo TILC) 5. C: Parola del Signore.A: Lode a Te o Cristo. Mentre infatti sto per andarvi, un altro scende prima di me». Oggi, mancando l’assistenza alle persone malate nei paesi poveri, la gente sperimenta la stessa mancanza di solidarietà. Volete che il demonio vi assalti? presso la porta delle Pecore, vi è una piscina, chiamata in ebraico Commento al Vangelo del giorno – Gv 16, 5-11 A cura dei Monaci Benedettini. Si tratta di scegliere un interlocutore diverso; quello al quale tu puoi parlare tacendo: a labbra chiuse ma col grido nel cuore (Sant’Agostino d’Ippona)" Ovvio che sì, certo che vogliamo guarire. Per il nostro Signore Gesù Cristo... Dal Vangelo secondo Giovanni 5,1-16Era un giorno di festa per i Giudei e Gesù salì a Gerusalemme. ‘Così – dirai – non c’è da far nulla?’. Se tu sei paralitico, vuol dire che Dio non sta dalla tua parte!" Dall’altro, l’abbandono dei poveri. Telegram. Vangelo Gv 6, 24-35: Chi viene a me non avrà fame e chi crede in me non avrà sete, mai! This video is unavailable. di infermi, ciechi, zoppi e paralitici. se crollano i monti nel fondo del mare. • Il Vangelo di oggi descrive Gesù che cura un paralitico che aveva aspettato 38 anni che qualcuno lo aiutasse a raggiungere l’acqua della piscina per poter essere curato! Tuttavia, è ancora tra noi. Ricorreva una festa dei Giudei e Gesù salì a Gerusalemme. Aforisma[4] = "La bestemmia attira la maledizione di Dio sulla tua casa ed è la via più sicura per andare all'inferno (San Pio da Pietrelcina)" Che domanda idiota! Per questo i Giudei cominciarono a perseguitare Gesù, perché faceva tali cose di sabato. C: Parola del Signore. E all’istante quell’uomo guarì: prese la sua barella e cominciò a camminare. A Gerusalemme, presso la porta delle Pecore, vi è una piscina, chiamata in ebraico Betzatà, con cinque portici, sotto i quali giaceva un grande numero di infermi, ciechi, zoppi e paralitici. Quante volte preferiamo un dolore sicuro ad una ipotetica gioia! Commento al Vangelo di Matteo 5, 1-16 (Stefano Pizzaia – stefano.pizzaia@davide.it) Le Beatitudini. Ma io vi dico la verità: è bene per voi che io me ne vada, perché, se non me ne vado, non verrà a voi il Paràclito; se invece me ne vado, lo manderò a voi. Allora sta’ interiormente tranquillo con la tua amata. In occasione di una festa dei giudei, Gesù va a Gerusalemme. Come Carmelitani, viviamo in ossequio di Gesù Cristo e lo serviamo fedelmente con cuore puro e retta coscienza, impegnandoci nella ricerca del volto del Dio vivente (dimensione contemplativa della vita), nella preghiera, nella fraternità e nel servizio (diakonia) in mezzo al popolo, sotto la protezione e la guida della Beata Vergine Maria del Monte Carmelo che onoriamo come Madre e Sorella. Nulla può diminuire la nostra speranza. Bisogna pertanto combattere la tristezza e non la giocondità (San Filippo Neri)" I giudei cominciarono a perseguitare Gesù perché faceva cose nella giornata del sabato. Aforisma[0] = "Non affliggetevi se l'obbedienza v'impiegherà in opere esteriori! Il peccato comunque porta sempre male, sia per l’anima che per il corpo. Si trovava lì un uomo che da trentotto anni era malato. Davanti a questa situazione drammatica, Gesù trasgredisce la legge del sabato e si occupa del paralitico dicendo: "Prendi il tuo lettuccio e cammina!" Gesù, vedendolo giacere e sapendo che da molto tempo era così, gli disse: «Vuoi guarire?». Pinterest. Mentre infatti sto per andarvi, un altro scende prima di me». Gli rispose il malato: «Signore, non ho nessuno che mi immerga nella piscina quando l’acqua si agita. Lasciate di visitare Gesù! (Fulton J. Sheen)" Tutta la gloria, il lavoro, le fortune, i tesori e i successi che credete di aver posseduto in questo mondo, resteranno in questo mondo (S. Charbel)" La maggioranza paga solo e non vince nulla. Gv 5,1-16 Dal Vangelo secondo Giovanni. Aforisma[8] = "Sei amico della pace? Quel giorno però era un sabato. Si trovava lì un uomo che da trentotto anni era malato. Gv 5,1-16. casuale = Math.floor(casuale) Oggi, mancando l’assistenza alle persone malate nei paesi poveri, la gente sperimenta la stessa mancanza di solidarietà. Quell’uomo se ne andò e riferì ai Giudei che era stato Gesù a guarirlo. Infatti ogni anno un Angelo discendeva dal Cielo, e il primo che s’immergeva in quell’acqua, mossa dalla presenza dell’Angelo, guariva. • Giovanni 5,1-2: Gesù va a Gerusalemme. Non respingere dunque l’ingiuria con l’ingiuria ma prega per chi la fa. C: Parola del Signore. Aforisma[13] = "Dovunque siamo e andiamo, noi abbiamo la cella sempre con noi: fratello corpo è la nostra cella e l'anima è l'eremita che vi abita (San Francesco d'Assisi)" E’ difficile per noi comprendere che un distacco fisico e una lontananza incommensurabile non debba significare abbandono e solitudine; anzi Gesù ribadisce: “E’ bene che io me ne vada, perché se io non me ne vado, non verrà a voi il Consolatore”. Dio non ascolta la voce ma il cuore (San Giovanni Crisostomo)" Vedi che non è esattamente il silenzio che t’impongo. Aforisma[1] = "Il Signore è buono, perché non dovrebbe essere contento di vedere i suoi figli ridere? Saint’Espedito - Patrono delle cause urgenti e disperate - Se hai qualche problema di difficile soluzione ed hai bisogno di aiuto Urgente, chiedelo a Santo Espedito che è il Santo delle cause che richiedono una soluzione veloce. Dissero dunque i Giudei all’uomo che era stato guarito: «È sabato e non ti è lecito portare la tua barella». una festa dei Giudei e Gesù salì a Gerusalemme. Le cose negative del mondo non possono distruggere tutto ciò che di positivo Cristo ci ha donato. Betzatà, con cinque portici, sotto i quali giaceva un grande numero Nel Vangelo di oggi Gesù si rende conto che «perché vi ho detto questo, la tristezza ha invaso il vostro cuore», ma «è bene per voi che io me ne vada» (Gv 16,6-7). A Gerusalemme, presso la porta delle Pecore, vi è una piscina, chiamata in ebraico Betzatà, con cinque portici, sotto i quali giaceva un grande numero di infermi, ciechi, zoppi e paralitici. Prendendo allora la parola, li ammaestrava dicendo: «Beati i poveri in spirito, perché di essi è il regno dei cieli. Dio sta con te!" Articolo precedente Per la Famiglia – Breve commento al Vangelo di oggi, 28 Maggio 2019 – Gv 16, 5-11. «Ora vado da colui che mi ha mandato e nessuno di voi mi domanda: “Dove vai?”. Egli non sapeva che il Giovane che l’aveva guarito era Gesù, ancora non lo conosceva. Giovanni D’Ercole, Scarica l’autocertificazione per andare a Messa, Scarica la nuova edizione del Messale Romano 2020, La Buona Novella – Avvento/Natale Ciclo A, B, C, Papa Francesco – Omelia e Angelus del 15 Novembre 2020 –…, Papa Francesco – Udienza Generale del 11 Novembre 2020 – testo,…, Papa Francesco – Angelus del 8 Novembre 2020 – Il testo,…, Omelia di Papa Francesco durante la Santa Messa in suffragio dei…, Papa Francesco – Udienza Generale del 4 Novembre 2020 – testo,…, Il Vangelo del giorno, 2 Aprile 2019 – Gv 5, 1-16, Proposte per la “Preghiera dei Fedeli” di domenica 7 Aprile 2019, p. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 18 Novembre 2020, Don Fabrizio Moscato – Commento al Vangelo del 18 Novembre 2020, Davide Moreno – Commento al Vangelo del 18 Novembre 2020, Commento al Vangelo di domenica 22 Novembre 2020 – Comunità Kairos. Molto vicino al luogo, dove si insegnava l’osservanza della Legge di Dio, un paralitico da 38 anni era in attesa di qualcuno che lo aiutasse a scendere nell’acqua per ottenere la guarigione. La nostra speranza si trova in Gesù Cristo. Visitate di rado Gesù in Sacramento; volete che fugga da voi? A: Lode a Te o Cristo. A: Lode a Te o Cristo. Come il cieco nato può essere accusato di avere ingannato tutti fino ad allora, guarire significa imparare in età adulta un lavoro, rimboccarsi le maniche. Vi mettesse pure in cucina, il Signore verrebbe ad aiutarvi interiormente ed esteriormente anche là fra le pentole (Santa Teresa d'Avila)" È in vista di ciò che ne percepiamo meglio il valore, ma sappiamo che spesso ci sfugge, ci ingoia e ci affligge. No Copyright 2020 | Privacy Policy Questo sito è protetto da reCAPTCHA e la Privacy Policy e Terms of Service di Google. Ma egli rispose loro: «Colui che mi ha guarito mi ha detto: “Prendi la tua barella e cammina”». Alcune di loro avevano la capacità di oltre mille litri d’acqua. Certo che hai qualcosa da fare: elimina i litigi. Vi è a Gerusalemme, presso la porta delle Pecore, una piscina, chiamata in ebraico Betzata, con cinque portici, sotto i quali giaceva un gran numero di infermi, ciechi, zoppi e paralitici. Poco dopo Gesù lo trovò nel tempio e gli disse: «Ecco: sei guarito! (Teresa di Lisieux)" disponi i tuoi figli No Copyright 2020 | Privacy Policy Questo sito è protetto da reCAPTCHA e la Privacy Policy e Terms of Service di Google. Perciò non temiamo se trema la terra, • Giovanni 5,5-9: Gesù guarisce un infermo di sabato. Contemplare il Vangelo di oggi – 28 Maggio 2019 – Gv 16,... Il messaggio di saluto di Mons. Curando l’uomo, stava dicendo il contrario: "La tua malattia non è un castigo di Dio. Sentir dire dal Maestro: “ora vado da colui che mi ha mandato” genera in tutti loro paura e sconforto; quelle parole sembrerebbero smentire e contraddire altre solenni promesse che avevano ascoltato da Gesù: “Non vi lascia soli!” Egli percepisce che la tristezza ha riempito il loro cuore perché si sentono già soli ed abbandonati. Gv 5,1-16. A Gerusalemme, presso la porta delle Pecore, vi è una piscina, chiamata in ebraico Betzatà, con cinque portici, sotto i quali giaceva un grande numero di infermi, ciechi, zoppi e paralitici. Lo abbracceremo, lo accoglieremo, gli faremo spazio? Gesù parla della sua prossima ascensione al cielo, ci preannuncia così la festa di Domenica prossima, ma le sue parole risultano misteriose ed incomprensibili agli apostoli. E’ tutta una generazione che non giunse a sperimentare la solidarietà, né la misericordia. No Copyright 2020 | Privacy Policy Questo sito è protetto da reCAPTCHA e la Privacy Policy e Terms of Service di Google. Ma nella sua ingenuità, l’uomo andò a dire ai giudei che era stato Gesù a curarlo. Com’è la situazione di assistenza ai malati nel luogo dove ti trovi? Ma egli rispose loro: «Colui che mi ha guarito mi ha detto: “Prendi la tua barella e cammina”». Copyright © 2003 - 2020 THE ORDER OF CARMELITES - www.ocarm.org, Capitolo elettivo triennale del Carmelo della Saragozza, Spagna, Capitolo elettivo triennale del Carmelo di Fontiveros, Spagna, Incontro del Segretariato internazionale per il laicato carmelitano, Nuovo Priore Provinciale e Consiglieri della Provincia Betica. A Gerusalemme, presso la porta delle Pecore, vi è una piscina, chiamata in ebraico Betzatà, con cinque portici, sotto i quali giaceva un grande numero di infermi, ciechi, zoppi e paralitici. Si trovava là un uomo che da trentotto anni era malato. Articolo successivo don Nicola Salsa – Commento al Vangelo di oggi, 28 Maggio 2019 – Gv 16, 5-11. Vorresti ribattere, parlare a lui, contro di lui. E all’istante quell’uomo guarì: prese la sua barella e cominciò a camminare. Non peccare più, perché non ti accada qualcosa di peggio!”. Dal Vangelo secondo Giovanni 5,1-16. Egli, infatti, è asceso, ma non ci ha abbandonato. Gesù deve ascendere al Padre. L’acqua purificava il Tempio, ma non purificava la gente. Subito dopo, alcuni giudei arrivano e criticano l’uomo che si è caricato sulle spalle il lettuccio in un giorno di sabato. Gli domandarono allora: «Chi è l’uomo che ti ha detto: “Prendi e cammina”?». Si trovava lì un uomo che da trentotto anni era malato. L’uomo prese il suo lettuccio e cominciò a camminare in mezzo alla moltitudine. Aforisma[11] = "La novità di Dio si presenta come un bambino e noi, con tutte le nostre abitudini, paure, timori, invidie, preoccupazioni, siamo di fronte a questo bambino, alla novità di Dio. C: Parola del Signore. Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Filippési - Fil 4, 12-14.19-20 - Tutto posso in colui che mi dà forza. In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: (Sal 45). Commento al Vangelo di Gv 16, 16-20 Commento a cura dei Monaci Silvestrini [ads2] Ancora un poco … Quanto ci occupa, ci preoccupa e talvolta ci spaventa, il tempo! casuale = Math.random() * (Aforisma.length) Gli domandarono allora: «Chi è l’uomo che ti ha detto: “Prendi e cammina”?». La guarigione era solo per un’unica persona. Questo significa che Gesù, passando per quel luogo dove c’erano poveri e malati, vide quella persona, ne percepì la situazione drammatica in cui si trovava e la guarisce. [box type=”info” align=”” class=”” width=””]Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno. Ma questo bene è soltanto Dio (San Massimiliano Maria Kolbe)" 2 V'è a Gerusalemme, ... 16 Per questo i Giudei cominciarono a perseguitare Gesù, perché faceva tali cose di sabato. Print. Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 2 Aprile 2019 – Gv... Il messaggio di saluto di Mons. Tutti i testi di Papa Francesco sono protetti da copyright (Libreria Editrice Vaticana) e ne è vietata la riproduzione. A Gerusalemme, presso la porta delle Pecore, vi è una piscina, chiamata in ebraico Betzatà, con cinque portici, sotto i quali giaceva un grande numero di infermi, ciechi, zoppi e paralitici. [box type=”info” align=”” class=”” width=””]. Gesù, vedendolo disteso e sapendo che da molto tempo stava così, gli disse: “Vuoi guarire?” Gli rispose il malato: “Signore, io non ho nessuno che mi immerga nella piscina quando l’acqua si agita. Lì vicino, a causa dell’abbondanza dell’acqua, c’erano terme pubbliche, dove si agglomeravano i malati in attesa di aiuto o di guarigione. Vivono in un abbandono totale, senza aiuto né solidarietà da parte di nessuno. (Papa Francesco)" Dissero dunque i Giudei all’uomo che era stato guarito: «È sabato e non ti è lecito portare la tua barella». Se Dio permette tempi lunghi è per... O Dio nascosto nella prigione del tabernacolo! Dissero dunque i Giudei all’uomo che era stato guarito: «È sabato e non ti è lecito portare la tua barella». document.write(Aforisma[casuale]). Giovanni D’Ercole, Scarica l’autocertificazione per andare a Messa, Scarica la nuova edizione del Messale Romano 2020, La Buona Novella – Avvento/Natale Ciclo A, B, C, Papa Francesco – Omelia e Angelus del 15 Novembre 2020 –…, Papa Francesco – Udienza Generale del 11 Novembre 2020 – testo,…, Papa Francesco – Angelus del 8 Novembre 2020 – Il testo,…, Omelia di Papa Francesco durante la Santa Messa in suffragio dei…, Papa Francesco – Udienza Generale del 4 Novembre 2020 – testo,…, Commento al Vangelo del 2 aprile 2017 – p. Fernando Armellini, Commento al Vangelo del 2 aprile 2017 – Damiano Antonio Rossi, p. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 18 Novembre 2020, Don Fabrizio Moscato – Commento al Vangelo del 18 Novembre 2020, Davide Moreno – Commento al Vangelo del 18 Novembre 2020, Commento al Vangelo di domenica 22 Novembre 2020 – Comunità Kairos. Oggi il Vangelo ci offre una comprensione più profonda della realtà dell’Ascensione del Signore. Trasgredisce la legge del sabato e cura il paralitico. Delegato Generale per le Monache e gli Istituti affiliati. Questi malati erano attratti dalle acque delle terme. Commento al Vangelo; Gv 16 5-11; Tempo Pasquale; Vangelo del giorno; Facebook. Gesù gli disse: «Àlzati, prendi la tua barella e cammina». Dal Vangelo secondo Matteo - Mt 25,14-30 - Sei stato fedele nel poco, prendi parte alla gioia del tuo padrone. Ricorreva una festa dei Giudei e Gesù salì a Gerusalemme. Per guarirlo era venuto dal Cielo addirittura il Re degli Angeli: era venuto Gesù in persona! Gesù guarisce il paralitico di Betzata . Dio è per noi rifugio e forza, Aforisma[7] = "L’amore è l’unico tesoro che potete accumulare in questo mondo e portare con voi nell’altro. Per questo i Giudei perseguitavano Gesù, perché faceva tali cose di sabato. Elevation Worship Recommended for you Ma egli rispose loro: «Colui che mi ha guarito mi ha detto: “Prendi la tua barella e cammina”». Tutti i testi di Papa Francesco sono protetti da copyright (Libreria Editrice Vaticana) e ne è vietata la riproduzione. L’Evangelista Giovanni ci racconta come, in un giorno di festa, Gesù salì a Gerusalemme, e c’era anche lui, assieme agli altri Apostoli, come sempre. Joseph A. PELLEGRINO (Tarpon Springs, Florida, Stati Uniti). • Giovanni 5,3-4: La situazione dei malati. Con la sua conquista sulla morte ci diede una vita che la morte non potrà mai distruggere, la sua Vita. Gli domandarono allora: «Chi è l’uomo che ti ha detto: “Prendi e cammina”?».

commento vangelo gv 5 1 16

Hotel Villasimius Sul Mare, Preghiera Ai Nonni, Palazzo Doglio Spa, Il Collegio Malocchio, Soluzioni Indipendenti Caserta Parco Cerasole,