Sotto questo aspetto, l'intramoenia in sé è uno scandalo, perché costringe i pazienti ad accettare un passaggio obbligato e oneroso per le loro tasche. Ma intanto domando: visto che l'intramoenia allargata è la via maestra nella quale si incamminano i ladri e i furbi, quando verrà cancellata? aggiungiamo il fatto che le spese mediche si possono detrarre dai redditi, per cui c'è un ulteriore incentivo a chiedere la fattura da parte del paziente. Sono un medico intramoenia, te lo dico io quanto lasciamo all'ospedale o allo Stato come dici tu: il 17 %. è vero, il danaro serve, per i corsi di aggiornamento per comprarvi la strumentazione, ma sono tutte cose detraibili dalle tasse, quanti di vostri colleghi lavorano in volontariato per aiutare le persone, e quante volte vi fate pagare negli studi privati e non rilasciate ricevute o fatture. A partire dall'esercito dei 60.800 medici che la svolgono, con 27mila dottori d'Italia che la fanno anche negli studi privati, la cosiddetta "intramoenia allargata". Un'intramoenia "pulita", insomma. Non capisco lo scandalo e l'atteggiamento persecutorio verso i medici. Spesso i medici che si lamentano sono quelli che non fanno attività privata - che è comunque soggetta alle leggi del "mercato" (vieni scelto se sei bravo) - e ricevono comunque l'incentivo per l'esclusività, dato a pioggia. Sono un paziente intramoenia. I medici veri, onesti, che hanno a cuore il loro lavoro e il miglioramento della sanità dovrebbero schierarsi in questo senso e non difendere la casta. Non è normale che un chirurgo anziché visitarti e operare in ospedale ti invita in clinica privata per fare la visita e l'intervento. Per un conto totale solo di pochissimo inferiore all'anno prima: 1,245 miliardi, la gran parte dei quali (1,079 miliardi) sono andati ai camici bianchi, il resto (177 milioni) è finito nelle casse del servizio pubblico. La prego di continuare. ricordiamci che svolgono una funzione fndamentale, faticosa, qualificata e utile. poi è vero che ci sono medici disonesti ma saranno una bassissima percentuale rispetto agli onesti! certo di noi chissenefrega vero cari italiani? fedeli: "grave. I medici che vogliono lavorare solo nel servizio pubblico potrebbero svolgere in modo più trasparente la libera professione intramoenia negli ospedali, con un maggiore controllo anche rispetto alle liste di attesa, con minori possibilità di truffe e con una migliore qualità del lavoro (senza spostamenti e senza impegni gestionali). TROVO VERGOGNOSO CHE ESISTE QUESTO TIPO DI VISITA,SPECIE INTRAOMENIA ALLARGATA. la prima cosa riguardo ala chiusura dell'intramoenia allargata non riguarda solo i miedici,ma tutte le persone che lavorano nei centri medici privati e che perderanno il posto di lavoro! L'intramoenia allargata poi non avrebbe nemmeno dovuto nascere. vedete che la categoria dei medici è una delle più soggette a fatturare. I cittadini avrebbero migliori garanzie recandosi in un ospedale pubblico piuttosto che in uno studio privato. Tanti medici lo dimenticano questo. La rabbia nasce dal fatto che questi capi di imputazione sono gli stessi affibbiati a molti politici regionali, che almeno hanno commesso qualcosa ed hanno avuto il loro tornaconto. Le Asl non hanno locali sufficienti per ospitare tutti i medici. in più la maggior parte del privato si fa su pazienti assicurati, per cui la fattura è obbligatoria. così per i medici, che per la maggior parte hanno una buona fetta di entrate da lavoro dipendente, a cui si aggiugerebbero quelle da lavoro privato, a rischo evasione 1) che la legge bindi andrebbe abrogata L’articolo 3 del decreto legislativo 129/1998 così stabilisce: Entro tre mesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto, le regioni disciplinano i criteri secondo i quali i direttori generali delle aziende unita’ sanitarie locali ed ospedaliere determinano, entro trenta giorni dall’efficacia della disciplina regionale, il tempo massimo che puo’ intercorrere tra la data della richiesta delle prestazioni di cui ai commi 3 e 4 e l’erogazione della stessa. Carlo 30 marzo 2012 alle 23:06. 3 co. 13. Questa gente non ha moralità ne etica. alcune categorie sono quasi omnicomprensive (artigiani...), altre sarebbero costituite da evasori pressochè totali (ripetizioni private) Ma la battaglia ancora non è persa. La vergogna è l'extramoenia, cioè i medici che guadagnano molto (troppo) nei propri studi privati rinuncuano all'indennità di esclusività che è una miseria ed in questo modo si trattengono tutto ciò che guadagnano. esistono quindi tantissimi medici che non evadono nemmeno n centesimo spingere i medici verso l 'extra -moenia sarebbe una grande perdita economica per lo stato, visto che ad andarsene sarebbero proprio quelli che con l'intramoenia ci rimettono, ovverosia versano più di quanto incassano. È un problema, soprattutto per chi deve essere seguito in tempi serrati. non vedo perchè chi svolge un lavoro qualificato e rischioso non debba essere adeguatamente retribuito. Ma questa pratica sta portando alla luce episodi sempre più gravi di ladrocinio, di mascalzonaggine, di corruzione, di falso in atto pubblico, e nel migliore dei casi, di furbizia. Appuntamento chiesto alla segretaria del grande luminare, che effettua l'esame nella stessa struttura pubblica in intramoenia, tempo d'attesa: una settimana. Non è che le cose funzionano peggio nella Sanità anche perché permettiamo ai medici di dare il meglio privatamente ? E' un palese, vergognoso conflitto di interessi e un enorme autogol della Sanità Pubblica. chiesto al centro unico di prenotazione un appuntamento per effettuare una mammografia + ecografia di controllo, necessaria come prevenzione. La regola deve essere io ti pago e quindi tu fai il lavoro che dico. L ‘imposta regionale sulle attività produttive (IRAP) è stata introdotta con la legge delega  n.662 del 1996 mediante il D.lgs n.446/97 (modificata dal D.lgs.137/98 e D.Lgs 506/99 e da circolari del Ministero delle finanze): l’art. L'area riservata del sito è stata sostituita dai servizi online, OMCeO Venezia - VIA MESTRINA 86 - 30172 - MESTRE (VE) -, Video RCS Salute - Violenza contro gli Operatori Sanitari. Forse dovrebbero essere gli stessi medici a dire basta, ad opporsi, a rifiutare di accettare una prassi che permette di rubare, a danno del cittadino. In primo luogo di chi permette una pratica dentro la quale, con estrema facilità, si muovono furbi e ladri. Rabbia e impotenza. Non nei ospedali, in quanto i contribuenti pagano le tasse e hanno il diritto di essere visitati, operqti curati. E non sono d'accordo con chi dice che i medici non hanno colpa. Sarebbe piu' onesto per i pazienti e per i cittadini in generale che i medici disonesti: evasori, truffatori, fannulloni venissero licenziati invece che limitare la professionalita' dei colleghi corretti, ma si si sa il pubblico.....Per concludere io sarei piuttosto dubbioso nel farmi operare da un chirurgo che in ospedale svolge altri compiti se non quello di fare diagnosi ed interventi..i 75.000 euro sono lordi giusto per puntualizzare. Io non sò se le percentuali da lei mensionate siano esatte,ma posso garantirle,per esperinza diretta, che ci sono ben Durante la visita privata ovviamente il trattamento cambia radicalmente in meglio. MEDITATE GENTE, MEDITATE! Oltretutto, le perizie fatte per l'Autorità Giudiziaria sono svincolate dal C.C.N.L. Sono un consulente del Tribunale e fatturo tutto. 5.4. In caso di mancata definizione da parte delle regioni dei criteri e delle modalita’ di cui al comma 10, il Ministro della sanita’ vi provvede, previa diffida, tenendo conto dell’interesse degli utenti, della realta’ organizzativa delle aziende unita’ sanitarie locali ed ospedaliere della regione, della media dei tempi fissati dalle regioni adempienti. Sicuramente ci sono dei medici bravi ed eccezionali che fanno questo tipo di attività, ma il cittadino e stramassacrato dai costi di cueste prestazione che arrivano anche 350€. Dall'Umbria in su ci sono poi anche i migliori controlli contro i trucchi e chi aggira le regole sull'intramoenia. La legge Bindi non è chiara e come tutte la cose italiane genera una miriade di interpretazioni. Non mi sembra onesto mantenere la intramoenia allargata,si dovrebbe scegliere tra dentro e fuori,con paletti rigidi e sanzioni severe. Escludendo tutti quei bravi medici che applicano con rigore le regole - tuttavia i più rigorosi sono quelli che fanno l'intramoenia solo e soltanto dentro la struttura Asl - è proprio l'organizzazione di questa norma a permettere la truffa. dove sta la vostra coscienza? del reddito totale? che ci sono oltre 9 milioni di persone che non sono in grado di curarsi , vi interessa? E tutto questo avviene con il beneplacito degli Ordini professionali, degli amministratori pubblici, dei responsabili delle Asl, del ministero della Salute, delle rappresentanze sindacali dei camici bianchi e rosa. non c'è conflitto d'interesse tra il dottore durante il suo orario istituzionale e lo stesso dottore come privato fuori orario di lavoro, ma sempre all'interno dello stesso nosocomio. E poi, sapete che molto spesso gli esclusi all'esame di ammissione a Medicina in alcune facoltà hanno avuto un punteggio all'esame maggiore di quelli che sono stati ammessi in un'altra facoltà? I punteggi delle promozioni sull'applicazione della legge riguardano indici come la prevenzione dei conflitti di interesse, la massima trasparenza di prenotazioni e pagamenti, il corretto equilibrio tra attività istituzionale e libero-professionale. Non so quale percentuale è versata dal professionista allo Stato; ma presumo sarà una cifra ridicola rispetto a quello che la struttura pubblica GARANTISCE. Secondo il decereto milleproroghe il prossimo 30 giugno 2012 l'intramoenia allargata dovrebbe finire. Fab, come al solito il pressopochismo e l'ignoranza di tanti che sono arrabbiati con il mondo intero la fanno da padrone nei commenti. Nella lista dei responsabili lei dimentica i più importanti: cioé l'opinione pubblica gli italiani!!!!!!!!!! http://www.laleggepertutti.it/wp-content/uploads/2016/11/Al-Direttore-Generale.pdf. quanto è il reddito medio dei medici in italia, rispetto alle altre categorie di cosiddetti "evasori" Farebbero un favore a tutti di andarsene, ma la vedo un po difficile. Nel 2011 i medici pubblici hanno guadagnato in media 17.766 euro lordi l'anno con l'attività libero professionale intramoenia. L'intramoenia allargata, del tutto assente in Toscana e Bolzano, riguarda solo il 29% dei medici veneti, e circa il 45-48% di quelli liguri ed emiliano-romagnoli, mentre sbanca in Campania e Lazio dove oltre l'80% dei dottori visita a studio e in generale le percentuali sono tutte più alte del 60% da Roma in giù. Puro conflitto di interessi. avremmo molti medici validi cmpletamente disincentivati nei confronti dell'ospedale, soprattutto perchè il loro stipendio sarebbe 2/3 di quello dei colleghi intramoenia. Il camice bianco può esercitare, coperto da queste due parole magiche, anche in clinica privata, visto che la Asl non gli mette a disposizione gli spazi per attuare l'intramoenia dentro le mura del nosocomio. In sostanza un medico lombardo guadagna grazie all'intramoenia in media quasi 2.500 euro in più al mese, un medico calabrese non supera i 700 euro. Perchè tutti i ginecologi/che optano per l'extramoenia???? Prezzo 172 euro, con ricevuta. Ovviamente ci sono tanti medici che lavorano con coscienza e tante realta' sottodimensionate rispetto alle esigenze, ma in mezzo si camuffa di tutto. annui ai Pazienti-citadini. chi fa veramente i soldi con la sanità non sono i medici, o perlomeno solo una minimissima percentuale si arricchiscono veramente Un provvedimento di tal fatta andrebbe ad interessare solamente quelli che hanno introiti "borderline" derivanti dall'attività privata. Infatti cercherà sempre di fornire una prestazione scarsa in termini di qualità e il tempo che dedica al paziente in regime pubblico indirizzando lo stesso alla visita privata. I direttori generali provvedono a determinare il tempo massimo di cui al comma 10 entro trenta giorni dall’efficacia del provvedimento ministeriale. Le regioni disciplinano, anche mediante l’adozione di appositi programmi, il rispetto della tempestivita’ dell’erogazione delle predette prestazioni, con l’osservanza dei seguenti principi e criteri direttivi: a) assicurare all’assistito la effettiva possibilita’ di vedersi garantita l’erogazione delle prestazioni nell’ambito delle strutture pubbliche attraverso interventi di razionalizzazione della domanda, nonche’ interventi tesi ad aumentare i tempi di effettivo utilizzo delle apparecchiature e delle strutture, ad incrementare la capacita’ di offerta delle aziende eventualmente attraverso il ricorso all’attivita’ libero-professionale intramuraria, ovvero a forme di remunerazione legate al risultato, anche ad integrazione di quanto gia’ previsto dai vigenti accordi nazionali di lavoro, nonche’ a garantire l’effettiva corresponsabilizzazione di sanitari dipendenti e convenzionati; b) prevedere, anche sulla scorta dei risultati dell’attivita’ di vigilanza e controllo di cui all’articolo 32, comma 9, della legge 27 dicembre 1997, n. 449, idonee misure da adottarsi nei confronti del direttore generale dell’azienda unita’ sanitaria locale o dell’azienda ospedaliera in caso di reiterato mancato rispetto dei termini individuati per l’erogazione delle prestazioni ai sensi del comma 10; c) imputare gli eventuali maggiori oneri derivanti dal ricorso all’erogazione delle prestazioni in regime di attivita’ libero-professionale intramuraria alle risorse di cui all’articolo 13 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni ed integrazioni, con conseguente esclusione di ogni intervento finanziario a carico dello Stato; d) prevedere correzioni al regime di partecipazione al costo come definito nei commi 3 e 4 secondo i criteri desumibili dal comma 13. Legga il mio ultimo blog e capirà perché. basta con questo livore nei confronti dei medici. Mentre la "riforma Balduzzi" della libera professione dei medici resta in stand by, arriva in Parlamento l'ultima relazione ministeriale sul pianeta intramoenia nel 2011. 2, comma. L'istituzione dei numeri verdi di prenotazione delle prestazioni sanitarie, attivati presso tutte le aziende ospedaliere,dai pazienti, non è stata accolta con piacere in quanto, assicura la prestazione il prima possibile ma senza poter scegliere la struttura ed i il medico di fiducia (come è giusto che sia in una struttura pubblica perchè per l'Ospedale tutti i suoi mediici sono uguali) ).L'intramenia permette invece di sceglierti il medico che vuoi e quindi nessuno ti obbliga ad andare dal più bravo se lo vuoi è perchè lo ritieni migliore di altri ,cari miei la qualità si paga come in tutte le cose ,troppo bello avere la botte piena e la moglie ubriaca.Inoltre se non ci fosse l'intramenia non vi sarebbe comunque un 'accelerazione delle liste di attesa perchè l'intramenia si svolge fuori dall'orario di servizio e quindi se non mi fate lavorare in intramenia pazienza alla fine del mio turno me ne andrò a casa ma non penserete certo che rimanga a lavorare gratis et amore Dei per smaltire le liste d'attesa .Purtroppo in Italia c'è la cultura della sanità tutta gratis quando poi le stesse persone che stanno li ad elemosinare con L'ISEE e non vogliono pagare per la loro salute ,la sera si sparano un centone a cena senza battere ciglio,certo per la panza va tutto bene. tutti in italia parlano di occupazione,di povera gente che guaagna poco,ecc ecc! Aliquota ridotta 2% per i redditi intramoenia e per i redditi dei partecipanti ai corsi di ... Adempimenti connessi alla contribuzione percentuale Medico esclusivamente libero professionista, collaboratori coordinati e a progetto, titolari di altre borse di studio, lavoratori occasionali, al di sotto dell’età pensionabile ENPAM Fondo Generale . Fosse che lo farebbero solo in cliniche private si potrebbe anche accettare e fuori dal lavoro, MA la vergogna più totale è che lo fanno anche negli ospedali pubblici e nell'orario del lavoro, mi è accaduto al Miully di Acquaviva delle Fonti. Dirigo un servizio di igiene pubblica, non ho mai chiesto l'ntramoenia, poichè non sono un ospedaliero. Il tutto in un Paese spaccato come una mela con solo 8 Regioni promosse nel ranking realizzato dalla stessa relazione alle Camere sull'applicazione della legge: Lombardia, Emilia Romagna, Veneto, Toscana, Umbria, Trento, Valle d'Aosta e, al Sud, solo la Basilicata. Aggiungo solo un aggettivo per qualificare tutti i responsabili di questo andazzo che va a danno di noi ammalati cronici http://www.laleggepertutti.it/139370_ospedali-il-modulo-per-superare-la-lista-dattesa-lunga su due cose sono d'accordo con te: Può il SSN impadronirsi della nostra libertà e intelletto per 85 euro netti al giorno? L'intramoenia fuori da sedi USL è comunque controllata e riscossa dalle ASL, ai medici rimane al netto circa il 25%di quanto l paziente paga. Finalmente se ne comincia a parlare. Volendo i locali pubblici (anche in affitto) si possono trovare in pochi mesi come è stato fatto in diverse Regioni ed aziende, e le spese si compensano con la quota delle tariffe che vengono trattenute dalle stesse aziende. I dottori del Centro-Nord (ma dall'Umbria in su) esercitano meno la libera professione negli studi privati: le loro Regioni hanno già utilizzato le risorse - oltre 800 milioni - messe a disposizione per realizzare gli spazi ad hoc all'interno delle aziende. La prego di continuare. [1] Dlgs 124/1998 art. Ridicolo. nelle ultime classifiche degli evasori in italia i medici nemmeno compaiono (prime le "povere" colf). Macchina per fare i soldi, non rischiando nulla. queste statistiche andrebbero poi interpretate un pò più approfonditamente Lo stato dovrebbe garantire stipendi dignitosi ai medici, metterli in condizione di lavorare e operare nei ospedali... Ovviamente condivido questa posizione di chi mette a disposizione le risorse, istruzione, portafoglio clienti ecc. si supporrebbe che sia così, visto che, per similitudine, non posso credere che i professori evadano l'89% del loro reddito, dato che per buona parte è composto da uno stipendio. Detto ciò non mi spiego come altrettanto livore non venga espresso nei confronti di categorie ben più remunerate e disoneste, fiscalmente parlando, quali commercianti, artigiani ecc..Purtroppo questo è un paese dove la rabbia viene ben indirizzata dai mass-media e come pecoroni tutti giù a denigrare la categoria, senza saper che se non fosse per la buona volontà di chi ci lavora il nostro Sistema Sanitario, grazie ai politici, sarebbe da tempo smantellato: Scusate lo sfogo ma aprite gli occhi!!! e le visite specialistiche private non sono solo colpa delle liste d'attesa ma la stragrande maggioranza sono scelte dai pazienti perchè cosi si scelgono il medico! Cordiali saluti, Facciamo piazza pulita della casta medica! I grandi nomi della chirurgia e della clinica sono già in extramoenia. E allora??!!!!!! I ricchi a pagamento in tempi brevi, i poveri non pagano o pagano poco e vengono visti in tempi biblici. esistono situazioni simili per commercianti, avvocati, artigiani, ristoratori o qualunque altro lavoratore autonomo. Bisognerebbe togliere il numero chiuso, che seleziona a 19 anni futuri dirigenti della pubblica amministrazione, per far si che si abbia un eccesso di offerta di professionalità e non un difetto per mantenere la casta! oltre al fatto cheimmaginate voi quanto gli ospedali,quindi le asl,quindi le regioni,quindi lo stato,quindi noi per dare strutture a tutti i miedici per l'attività privata(diritto di ogni cittadino)? Mi fa piacere leggere per una volta tanto una critica ad una pratica, che trovo profondamente ingiusta, a cui ci siamo rassegnati considerandola una delle tante vessazioni che subisce il cittadino qualunque. Una delle "voci" più scandalose della sanità nazionale si chiama "intramoenia allargata", che permette ai medici ospedalieri di esercitare la libera attività professionale appunto fuori del normale luogo di lavoro, l'ospedale. . I primari e gli professori di catedra, NON DOVREBBERO fare il privato intra-moenia per legge. Chiamarlo "SSN" è solo RIDICOLO. rimarrebbero quelli che fanno poco o nessun privato, che continuerebbero a ricevere profumate indennità senza versare nessun corrispettivo relativo ai loro incassi. la domanda è quanto incide l'evasione sul reddito totale dei medici? Come al solito bisogna sparare a zero sulla categoria dei medici. Al Sud, viceversa, per molte Regioni il piatto piange e le risorse sono rimaste nei cassetti del'Economia. (che è 1/3 del mio Stipendio). I quali, tra l'altro, hanno sempre più spesso da fare nelle strutture ospedaliere. Parti e interventi ginecologici sono le prestazioni cui più si ricorre in ospedale; visite cardiologiche, oculistiche e ortopediche le più gettonate negli studi privati, oltre che le analisi e la diagnostica con Tac e risonanze in testa. i medici italiani sono tra i meno pagati d'europa, nemmeno paragonabili ai medici americani un saluto da un segretario di uno studio privato dove lavorano 8 medici su 9 in intramoenia allargata e che quindi dal 30 giugno 2012 anzichè pensare alle ferie con moglie e figli penserà a cercarsi un nuovo posto di lavoro per poter vivere.grazie ministro,grazie sindacati ,grazie a tutti. Questi signori si portano a casa il triplo dello stipendio di un italiano medio e oltre tutto si macchiano di questo genere di scandali. pochi medici che rilasciano ricevuta e quindi liberi dall'obbligo del pagamento dell'irpef. Privacy policy Poi le liste d'attesa che sono brevissime: nel 93% dei casi bastano 30 giorni per ottenere (pagando) la prestazione, e solo 15 giorni servono invece nel 79% dei casi. Quanti dei medici che mi leggono lo farebbero? Bisognerebbe che questi signori non fossero inquadrati come dirigenti (come sono) ma che potessero fare all'interno dell'ospedale qualsiasi lavoro richiesto (come succede per gli altri laureati anche ultra specializzati nel mondo del lavoro vero). (obbligatorio), Ogni persona ha i propri diritti e doveri, http://espresso.repubblica.it/attualita/cronaca/2012/12/11/news/sanita-pubblica-profitti-privati-1.48933, http://www.laleggepertutti.it/139370_ospedali-il-modulo-per-superare-la-lista-dattesa-lunga, http://www.laleggepertutti.it/wp-content/uploads/2016/11/Al-Direttore-Generale.pdf, Non c’è manager sanitario migliore di Gino Strada, Gentile ministro, le attese possono essere mortali, Ma sull’obbligo vaccinale lo scenario ora è cambiato, Per fidarsi della Scienza servono serietà e sobrietà, La sparata di Zangrillo? non mi sembra giusto infangare un'intera categoria senza i necessari distinguo. che vuol dire che i medici evadono il 34%? In aggiunta, può verificarsi il caso del professionista che sceglie di non addebitare al cliente l’importo dell’imposta di bollo. Se si , abbandonino il posto di direzione. Aggiungo solo che personalmente sono dipendente di un azienda del settore industriale che non mi permette di esercitare privatamente perché mi troverei necessariamente in concorrenza con la stessa. La prima: lo scopo dell'attività privata all'interno o all'esterno dei nosocomi non dovrebbe essere quella di accorciare le liste di attesa, queste non dovrebbero esistere a prescindere, ma quello di consentire al paziente di scegliere un medico di sua fiducia, cosa, che nel pubblico non è prevista. caro Salvatore, mi sembra che, nella tua generica indignazione, abbia un pò di confusione in testa Quello che è preoccupante è che questa situazione sembra diventata cosi normale che le persone con cui mi confronto sull'argomento hanno mi danno ragione ma allo stesso modo mostrano un atteggiamento rassegnato - "tanto le cose stano in questo modo - inutile che ti agiti - ti conviene che ti adegui tu".

intramoenia percentuale al medico

Range Rover Discovery Prezzo, Vincenzo Catania Unict, Cose Da Fare Nella Notte Di San Lorenzo, Legatura Di Isacco, Quando Si Festeggia Santa Rosa A Napoli, Porto Maurizio, Imperia, Chiaravalle - Milano Orari Messe,