Secondo la critica, per la narrazione del presente episodio e quello successivo (I funerali di S. Gerolamo), il Carpaccio si ispirò al “Calalogus sanctorum” di Pietro de Natalibus, alla “Legenda aurea” di Jacopo da Varagine ed al “Jeronimus, vita et transitus” edito nel 1485 a Venezia. San Girolamo è raffigurato nell'iconografia dell'eremita penitente nel deserto. La figura dell'eremita è studiata con notevole attenzione all'anatomia, testimoniando il precoce interesse di Leonardo su questo settore, con muscoli asciutti ma scattanti, tendini a vista. Il San Girolamo penitente è un dipinto a olio su tavola (103×75 cm) di Leonardo da Vinci, databile al 1480 circa e conservato nella Pinacoteca Vaticana.Si tratta di un dipinto non portato a termine. La testa, scavata e ossuta, nonché scorciata nella sua torsione verso destra, è resa con espressività e ricorda alcuni busti antichi cosiddetti di "Seneca". Any cookies that may not be particularly necessary for the website to function and is used specifically to collect user personal data via analytics, ads, other embedded contents are termed as non-necessary cookies. Altri sullo sfondo stanno salendo precipitosamente le scale del convento. Secondo gli studiosi di storia dell’arte, in base alle indicazioni ricavate dalla pianta del de’ Barbari (1500), verosimilmente l’episodio si svolge nel cortile del convento dei Gerosolimitani, dove – per l’appunto – sorgeva la Scuola di San Giorgio, identificabile, cosi come si presentava prima dei restauri del 1551, nell’edificio di fronte, situato in secondo piano sulla sinistra. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati. La storia sembra ambientata nel cortile di un tipico convento veneziano, ma vi si percepiscono integrazioni di tipo orientale. La scena è ambientata in un campo aperto costruito con attenzione ai ritmi e alle pause, in cui si riconoscono una chiesa con portico e un palazzo con una loggetta e balconi. Anatomicamente Leonardo presta molta attenzione al soggetto di San Girolamo, creando le contrazioni muscolari e le estensioni, nonchè il movimento sottile dei tendini e la precisa identificazione delle ossa che denotano una certa conoscenza acquisita di Leonardo da Vinci verso lo studio del corpo umano. Alcuni dettagli esotici, come i palmizi, i turchi con turbante, e gli animali esotici (come il cervo e gli uccelli) rimandano alla reale ambientazione, secondo la Leggenda Aurea, dell'episodio, cioè la città di Betlemme. Il San Girolamo eremita. Girolamo, il vecchio leone, “capace di potenti ruggiti”, ma anche di lacrime ( Vita Pauli 16,2), monaco, asceta, predicatore, guida di anime, traduttore, polemista, arcigno e severo tanto quanto capace di tenerezza e delicatezza, concludeva così il suo pellegrinaggio terreno. We also use third-party cookies that help us analyze and understand how you use this website. ed è custodito nella Scuola di San Giorgio a Venezia. These cookies will be stored in your browser only with your consent. This category only includes cookies that ensures basic functionalities and security features of the website. Grande attenzione mise l'autore nella descrizione topografica del luogo, che riecheggia probabilmente la zona di Venezia dove anticamente si trovava la Scuola degli Schiavoni, ovvero tra l'Ospedale di Santa Caterina e la chiesa di San Giovanni al Tempio. Girolamo curò le ferite dell’animale e lo accolse con i suoi fratelli nella comunità, al fianco dell’asino, unico bene dei monaci. Il San Girolamo penitente è un dipinto a olio su tavola (103×75 cm) di Leonardo da Vinci, databile al 1480 circa e conservato nella Pinacoteca Vaticana. Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 15 nov 2020 alle 17:03. Pensiamo che ti vada bene, ma puoi disattivarlo se lo desideri. In basso si trova il fedele leone, appena disegnato, il cui corpo scattante crea giochi lineari rari in Leonardo, che probabilmente sarebbero poi stati attenuati dalla pittura atmosferica e dallo sfumato. "San Gerolamo e il leone nel convento" è un dipinto autografo di Carpaccio, appartenente al "Ciclo di S. Giorgio degli Schiavoni", realizzato con tecnica a olio su tela nel 1502, misura 141 x 211 cm. These cookies do not store any personal information. Storia dell'arte » dal Gotico al Realismo » Carpaccio » San Gerolamo e il leone nel convento di Carpaccio, Carpaccio: San Gerolamo e il leone nel convento. L'opera mostra il momento in cui i frati del convento vedono la belva e fuggono terrorizzati prima ancora che il vecchio monaco possa spiegare la presenza dell'animale al suo fianco, indicando la zampa che il leone sta alzando. https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=San_Girolamo_(Leonardo)&oldid=116661365, licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo. But opting out of some of these cookies may affect your browsing experience. Per la realizzazione dell'opera, indubbiamente Leonardo ha utilizzato il pennello, ma in molte parti della composizione il colore è steso direttamente dall'artista con le proprie dita per ammorbidire i contorni delle figure. Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 28 giu 2019 alle 19:40. Quattro monaci scappano infatti in direzioni diverse, sfruttando appieno la profondità spaziale. I campi obbligatori sono contrassegnati *. La Legenda Aurea, di Jacopo da Varazze, narra, nel capitolo dedicato a San Girolamo, la leggenda del leone . You also have the option to opt-out of these cookies. Vestito di pochi stracci è inginocchiato con nella mano destra la pietra che usava per percuotersi il petto e con la sinistra che indica se stesso in atto di umiltà. Sempre secondo la pianta (Molmenti, “E” 1906), la costruzione a destra dovrebbe essere la chiesa di San Giovanni al Tempio. Il portale semplice della Storia dell'Arte, Percorso: Una curiosità è il monaco che cammina con stampelle, in secondo piano, probabilmente un dettaglio ispirato dal vero. Il dipinto viene in genere datato agli ultimi anni del primo soggiorno fiorentino di Leonardo, per le stringenti affinità con l'Adorazione dei Magi. Il volto è rivolto verso l'alto, tradizionalmente, verso un probabile crocifisso non ancora dipinto, di cui si intravede però l'asta sull'estrema destra, dove si trova il paesaggio appena abbozzato nel quale alcuni studiosi hanno voluto vedere lo schizzo della facciata di Santa Maria Novella. Il rocambolesco ritrovamento dell'opera è raccontato dal D'Archiardi in una ricostruzione ritenuta oggi poco credibile: appartenuto ad Angelica Kauffmann il dipinto sarebbe poi andato perduto, per essere ritrovato dal cardinale Joseph Fesch segato in due parti, una delle quali era usata da un rigattiere romano come coperchio per una panca, mentre l'altra (un quadrato con la testa, ancora visibile) faceva da sgabello per un calzolaio. Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Il lavoro per gli Schiavoni iniziò nel 1502 e terminò nel 1507. Secondo la leggenda la belva divenne poi suo compagno fedele. Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Ad ogni modo è certo che il dipinto venne acquistato nel 1845 da Pio IX dagli eredi del cardinale per la somma di duemilacinquecento franchi e destinato da allora ai Musei Vaticani. San Girolamo e il leone nel convento è un dipinto tempera su tavola di Vittore Carpaccio, datato 1502 e conservato nella Scuola di San Giorgio degli Schiavoni a Venezia. L'opera presenta numerosi punti di similitudine con la tela dipinta da Palma il Giovane. This website uses cookies to improve your experience while you navigate through the website. Fra gli animali, sparsi nelle varie zone della composizione, si riconoscono pappagalli, faraone, pavoni, lepri, un cervo, un capriolo, un’antilope ed un castoro ripresi con la passione di un vero naturalista. Necessary cookies are absolutely essential for the website to function properly. Spiccano soprattutto il busto inarcato e scuro dietro le clavicole, il gesto plastico del braccio disteso, che sembra indagare lo spazio circostante, o la gamba protesa in avanti, con un efficacissimo scorcio. Sull’opera: “San Gerolamo e il leone nel convento” è un dipinto autografo di Carpaccio, appartenente al “Ciclo di S. Giorgio degli Schiavoni”, realizzato con tecnica a olio su tela nel 1502, misura 141 x 211 cm. Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. It is mandatory to procure user consent prior to running these cookies on your website. Un giorno l’asino fu rubato mentre il leone dormiva e i … Carpaccio, al culmine della propria carriera, venne chiamato dalla Scuola "minore" degli Schiavoni, cioè dei Dalmati residenti o di passaggio a Venezia, per dipingere un ciclo di sette teleri sulle storie dei santi protettori della confraternita (Giorgio, Girolamo e Trifone) a cui si aggiunsero altre due tele fuori della serie con Storie evangeliche. Nella composizione San Gerolamo, l’allora vescovo di Spalato, entrato in un convento nei pressi di Betlemme, dopo aver liberato la zampa di un leone da una spina, permette alla fiera di entrare nel convento, che da quel giorno vivrà con lui alla stregua di animale domestico. Girolamo non fuggì con gli altri, anzi, si avvicinò al leone e si rese conto che era ferito. L'animale è sulla diagonale che, attraverso il corpo del santo, finisce nel paesaggio dello sfondo a sinistra, già avviato, con le tipiche rocce appuntite leonardesche. Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Si tratta di un dipinto non portato a termine. La sua figura emerge con potenza anche per effetto dello sfondo scuro, composto da rocce dalle forme bizzarre che si ritroveranno anche, di lì a poco, nella prima versione della Vergine delle Rocce (1483-1486). Le loro tonache blu e bianche al vento "macchiano" la cromia su più direttrici. Non si conosce la destinazione originaria dell'opera e l'unica menzione avvicinabile al dipinto è quella di "cierti san Gerolami" elencati dall'artista nell'inventario personale prima della partenza per Milano nel 1482. ed è custodito nella Scuola di San Giorgio a Venezia. Il leone è simbolo della forza bruta vinta con la pietà; il teschio, simbolo della vanitas e meditazione sulla morte; "San Girolamo e il leone nel convento" di Vittore Carpaccio, custodito presso la Scuola di San Giorgio degli Schiavoni. La tela mostra un episodio "di genere" della leggenda di san Girolamo, quando cioè il santo, di ritorno dall'eremitaggio nel deserto, portò con sé il leone che aveva ammansito togliendogli una spina dalla zampa. Out of these, the cookies that are categorized as necessary are stored on your browser as they are essential for the working of basic functionalities of the website. Un altro paesaggio, appena abbozzato, si trova sulla destra, sotto un arco naturale, in cui si distingue una sorta di disegno di chiesa. https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=San_Girolamo_e_il_leone_nel_convento&oldid=106121807, Ciclo della Scuola di San Giorgio degli Schiavoni, licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo. Il telero si presenta con due tematiche: quella più in evidenza, ovvero, la spassionata generosità di Gerolamo, mirata al bene anche per gli animali più feroci; e il terrore dei frati che scappano nel vedere la belva. L'opera è pertanto particolarmente significativa in quanto, nell'impasto fresco dei colori, sono chiaramente visibili le impronte del maestro fiorentino. San Girolamo è tradizionalmente rappresentato nel suo studio, mentre con un coltellino toglie dalla zampa di un leone una spina, che tormentava l'animale. La Vostra Privacy e i cookie e condivisione, Raffigurazione pittorica della Battaglia del Volturno di Stefano Busonero, Arte ed ansia – dipingere migliora l’umore e abbatte gli stati ansiosi, 10 tra i più bei dipinti di tutti i tempi realizzati tra il Seicento e il Settecento, 10 tra i dipinti più belli e famosi dal Quattrocento al Cinquecento, L’arte moderna nella seconda metà del ventesimo secolo, I Contenuti delle pagine di Frammentiarte, Ritorna al Ciclo di S. Giorgio degli Schiavoni, Scopri come i tuoi dati vengono elaborati. il leone, perché secondo la Legenda Aurea, un leone ferito da una spina in una zampa fu guarito da san Girolamo nel monastero di Betlemme e non lo lasciò più. Luce dorata e colore denso garantiscono l'unificazione di tutti gli elementi, creando quella particolare sensazione atmosferica che fa percepire l'"aria" nel dipinto. I diecimila crocifissi del Monte Ararat di Carpaccio. Secondo la critica, per la narrazione del presente episodio e quello successivo (I funerali di S. Gerolamo), il Carpaccio. San Girolamo e il leone nel convento è un dipinto tempera su tavola (141x211 cm) di Vittore Carpaccio, datato 1502 e conservato nella Scuola di San Giorgio degli Schiavoni a Venezia.

san girolamo leone

Recensioni In Inglese, Uci World Championship 2020, Dove Mangiare Al Passo San Marco, Mole Antonelliana Prezzi, Somma Teologica Scarica,