Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com. fatta in legno di sorbo da autore ignoto, scolpita quasi certamente nella seconda metà Egli si trovò ad operare negli anni compresi tra la fine del medio evo e gli inizi Glorioso Vincenzo Ferreri, ti prego, per il Dono di Consiglio che hai ricevuto dallo Spirito Santo, di impetrarmi la grazia di camminare secondo consigli evangelici. NOTO (Siracusa) – Chiesa ex conventuale S. Domenico, tela. Altre modalità in cui il Santo è solito essere rappresentato sono: Ecco alcune grandi città, insieme ad alcuni centri minori, in cui si possono trovare opere riguardanti il Santo valenziano: dal sito: http://vincenzoferreri.altervista.org/parrocchia_storiasanto.html. L’amore della nostra gente per San Vincenzo Ferreri è sconfinato, basta guardare i In Dio, vogliamo ringraziarti perchè ci solleciti col tuo esempio ad accolgerLo come "unico e sommo bene" facendoci capire che, il migliore "onore che possiamo renderti" è il non contentarci dell'amore per te, ma elevarci a Lui. ;�q 1.���:�EŨ[5��h�5}��5���TЦZ`�~P,�\�@f�g[[D�{W=��/(���S�o��c]�_gl� L’abito domenicano, è ovvio, all’ordine religioso di appartenenza, i figli di San Domenico. endobj morte, il giudizio individuale e quello universale. MISTRETTA (Messina) – Chiesa Maria SS. ���� JFIF �� C �� C�� �|" �� Riguardo al prossimo, esercitati in sette altre disposizioni: tenera compassione che ti faccia sentire i mali e i disagi del prossimo come se fossero tuoi; gioiosa letizia per il bene che loro avviene, come se avvenisse a te stesso; paziente Infatti, essendo molti i luoghi in cui è venerato e innumerevoli le grazie elargite, viene rappresentato spesso con attributi iconografici insoliti. Avendogli il priore proibito di fare miracoli, perchè a suo giudizio ne faceva troppi, Vincenzo cominciò a “contenersi”. La Chiesa è spaccata, i regni d’Europa stanno chi con Urbano e chi con Clemente. De unitate universalis; Si narra che già dal ventre materno Vincenzo Ferreri era predistinato a tale vita monastica, tanto che con visioni e miracoli questa verità si mostrò alla madre ancor prima che nascesse. In primis, rimanda al famoso miracolo del muratore. Trascorse la sua vita passando di terra in terra, predicando nelle piazze, nelle Chiese e siamo STROMBOLI (Messina) – San Vincenzo Ferreri é il titolare della Parrocchia. Non si conosce con esattezza il periodo in cui S. Vincenzo Ferreri venne proclamato NASO (Messina) – Chiesa Madre, statua marmorea custodita nellla cappella barocca della navata laterale sinistra. La testa di questa statua è conservata nella Atti di Abbandono, di affidamento, consacrazione. Attività questa che gli guadagnò il Ci si Chiesa parrocchiale. GIOIOSA MAREA (Messina) – Chiesa Madre, tela (navata sinistra). PREGHIERA A SAN VINCENZO FERRER O Glorioso Apostolo e Taumaturgo San Vincenzo Ferreri, vero Angelo dell’Apocalisse e nostro potente Protettore, accogliete le nostre umili preghiere e fate discendere su di noi l’abbondanza dei divini favori. La storia di San Vincenzo Ferreri Vincenzo Ferreri (in catalano Vicent Ferrer e in spagnolo Vicente Ferrer; Valencia, 23 gennaio 1350 – Vannes, 5 aprile 1419) è stato un presbitero spagnolo dell’Ordine dei Frati Predicatori e si adoperò particolarmente per la composizione dello scisma d’Occidente: è stato proclamato santo da papa Callisto III nel 1455. poche decine di metri sorgeva l’abitazione degli eremiti di San Vincenzo. seconda domenica di ottobre è usanza del paese riportare il santo patrono San Vincenzo Seguendo da vicino il cardinale, si rese però conto che la Chiesa aveva più che mai bisogno del ripristino dell’unità e della riforma morale. Glorioso Vincenzo Ferreri, ti prego, per il Dono di Sapienza che hai avuto dallo Spirito Santo, di impetrarmi la grazia di salvarmi. 2 0 obj Mentre le gerarchie si combattevano, lui manteneva l’unità tra i fedeli. Giovanni e Paolo, Polittico del Bellini. per conoscere le preghiere e le devozioni del giorno. Un periodo, questo, travagliato per le rivalità tra impero e papato, scosso dalla divisione dei cattolici, che provocò il grande scisma d’occidente con la Chiesa divisa tra papa e antipapa. x��RMk�0��W��hw�ߟ,w-z����I2z�w TTw�g�B>���=��g��wܹ��(�o���T+V���H)��Ҍz;��=6�f"�.�O~冤��n���薓[_i`����? tolleranza e perdono delle ingiurie, che riceverai con calma e perdonerai con tutto il cuore; affabilità piena di benevolenza che ti renderà amabile verso tutti nei tuoi atti e nelle tue parole; umile rispetto: preferirai gli altri a te stesso, li onorerai tutti e nel tuo cuore ti sottometterai a loro; concordia perfetta: per quanto puoi e Dio te lo permette, sii del parere altrui, segui i loro desideri legittimi e considerati come una sola cosa con essi; dono della tua vita ad esempio di Gesù: come Lui sarai pronto a dare la salute per i tuoi fratelli. CALAMONACI (Agrigento) – Chiesa Madre, statua (altare maggiore). Fu chiamato Vincenzo in onore di S. Vincenzo Martire (alcune sue reliquie Manifestò subito una forte propensione per la preghiera e la mortificazione. Morì, infatti, all’età di settanta anni, il 5 aprile 1419, a Vannes, in Bretagna (Francia), nella cui Cattedrale sono conservate alcune reliquie. Tu infatti, hai operato solo per donarci Lui e consegnarci a Lui. stream t� =�8O3�ɂU�,K�Ęɕ]V�b!TOα�f���(Nu�A1�o���& ���2��/k sono conservate alcune reliquie, altre furono portate a Valenza città in cui era nato. siamo Il Santo di Oggi, giorno 5 aprile, è San Vincenzo Ferreri. Ci dispiace, il tuo blog non consente di condividere articoli tramite e-mail. Si impegnò soprattutto per comporre lo scisma d’occidente, dapprima tentando una mediazione tra Gregorio XII e Benedetto XIII, poi cercando di convincere Benedetto a rinunciare alla tiara e, di fronte al suo rifiuto, cercando di sottrargli l’obbedienza della Spagna. Fu deciso allora di abbattere la quercia e costruire una piccola cappella De supponitionibus dialecticis; accorse che un bue invece di seguire gli altri se ne stava solo,  sotto l’ombra Nel 1394 il suo protettore, il cardinale de Luna, divenuto papa con il nome di Benedetto XIII, lo nomina suo confessore, cappellano domestico, penitenziere apostolico. sono custodite in una piccola urna nella nostra Chiesa di Santa Maria Assunta) festeggiato Il bovaro lo seguì e guardando tra i rami notò un quadro raffigurante San Vincenzo Per quell’amore di cui avvampò il vostro cuore, otteneteci dal Padre delle misericordie: prima di tutto il perdono dei nostri […] In genere, una fiammella spicca sul suo capo, un paio d’ali stanno alle sue spalle, un angelo suona una tromba, porta un cartiglio con il motto “timete Deum, quia venit hora judicii eum” (“Temete Dio, poiché viene l’ora del Suo giudizio”) o un libro. Nel settembre del 1398, durante l’assedio di Carlo VI di Francia (che non aveva riconosciuto l’elezione di Benedetto XIII) ad Avignone, Vincenzo Ferreri cadde malato: secondo una leggenda appartenente alla tradizione devozionale, sarebbe stato guarito miracolosamente da Gesù e dai santi Francesco e Domenico, che lo inviarono nel mondo a predicare, invitando i peccatori a convertirsi in attesa dell’imminente giudizio universale. on line anche tu alla cordata di preghiera: UNITI per le FAMIGLIE e i GIOVANI, "le forze deboli quando sono unite diventano forti" (don Degnatevi di estendere questo patrocinio anche ai nostri interessi temporali, conservandoci la nostra salute corporale, o risanandoci dalle malattie, benedicendo le nostre campagne dalla grandine e dalle tempeste, tenendo lontano da noi ogni infortunio; onde provvisti a sufficienza degli aiuti terreni, con cuore più libero attendiamo alla ricerca degli eterni beni. Oggi, 5 aprile, secondo il calendario liturgico della religione cattolica cristiana, si festeggia San Vincenzo Ferrer, conosciuto anche come Ferreri. scosso dalla divisione dei cattolici, che provocò il grande scisma d'occidente con la Morì a Vannes nel 1419. Scopri la sua vita e le sue opere, i miracoli e di chi è protettore. il paese dove trova una moltitudine di gente che la accoglie tra il bagliore di tante Contribuisce così in modo decisivo alla fine dello scisma e al miglioramento dei costumi. Suo malgrado, egli si trova al centro della divisione che minaccia il vertice della Chiesa. distrutta nel corso dell'incendio dei 1858. E non mancavano, nelle prediche sul Giudizio Universale, i tremendi annunci di castighi, con momenti di fortissima tensione emotiva, ottenendo, grazie alla sua abilità oratoria, al tono apocalittico dei suoi sermoni e alla fama di taumaturgo, numerose conversioni (soprattutto di musulmani ed ebrei). Nato a Valencia intorno al 1350, Vincenzo si trovò a vivere al tempo del grande scisma d'Occidente, quando i papi erano 2 e poi addirittura 3. La vita di San Vincenzo Ferreri, nostro protettore, trova la sua giusta dimensione di eccezionalità e prodigiosità se inserita nella particolare epoca in cui visse. Attività questa che gli guadagnò il nome di angelo dell’apocalisse. Digiunava tutti i giorni eccetto la domenica, e vegliava buona parte della notte in orazione. La strada Quaestio solemnis de unitate universalis; Gloria al Padre…. Al termine si tiene un bellissimo spettacolo pirotecnico. Liber de sacrificio Missae; alla soluzione del grave problema dello scisma. Obiettivo volti e ascoltare le voci dei pietrabbondantesi quando accompagnano la statua del Santo Un giorno passò da una via e vide un uomo che cadeva da una alta impalacatura. Vincenzo è un dotto frate domenicano, insegnante di teologia e filosofia a Lérida e a Valencia, autore poi di un trattato di vita spirituale ammiratissimo nel suo Ordine. MALETTO (Catania) – Chiesa Madre, statua (la festività estiva viene celebrata la 3° domenica di Settembre). dei secolo scorso. FIRENZE – S.Maria Novella, affresco di Domenico Ghirlandaio. SAN VINCENZO FERRER. la spezzo e tornò sotto la quercia. Di ogni Castanese e di ogni altro che ovunque hai accolto sotto il tuo patrocinio, conosci da "AMICO" i bisogni spirituali per aiutarli a realizzare la propria salvezza secondo le attese di Dio, ma conosci anche quelli materiali dalla salute al necessario per la loro vita. Il culto di San Vincenzo Ferreri ha ispirato molti artisti, alcuni meno noti se non addirittura sconosciuti, altri invece di spessore come il pittore Spagnolo Diego Velasquez di cui si conserva una grandiosa Tela nella Chiesa di S. Domenico a Palermo o come Giovanni Bellini (detto il Giambellino) autore del Polittico custodito a Venezia nella Chiesa di San Giovanni e San Paolo. E’ Costanza Miguel. L'articolo non è stato pubblicato, controlla gli indirizzi e-mail! Glorioso Vincenzo Ferreri, ti prego, per il Dono di Intelletto che hai avuto dallo Spirito Santo, di impetrarmi la grazia di comprendere le ispirazioni che mi giungono da Dio. La processione dopo aver attraversato il paese giunge in Chiesa dove la Il paio d’ali ricorda sempre le prediche infervorate di Vicenzo, che lo facevano sembrare quasi l’Angelo Dell’Apocalisse, e la sua immensa bontà, come di un serafino. Ferreri in località "Raguso" in un’epoca compresa tra la fine del 1600 e il libbro è il Vangelo con cui il santo ci invita alla conversione e a seguire Cristo. Il cardinal Pietro De Luna lo ebbe carissimo e lo volle con sè in importanti uffici. 5. Amen. caro "San Vincenzo Speranza nostra". La vita di San Vincenzo Ferreri, nostro protettore, trova la sua giusta il più grande atto di devozione che cerchiamo di offrire al nostro san Vincenzo.La Vincenzo Ferrer nacque in una nobile famiglia di Valencia (Spagna) nel 1350 ed entrò giovanissimo nell’ordine dei domenicani completando la sua formazione religiosa presso le case di formazione domenicane a Barcellona, Lerida e Tolosa. San Vincenzo è il protettore dei costruttori. statua, illuminata, viene portata a spalla della cappella fino al paese seguita da Egli intensifica la sua attività ma nel 1398 si ammala e ha una visione nella quale gli appare il Salvatore accompagnato da san Domenico e san Francesco. Glorioso Vincenzo Ferreri, ti prego, per il Dono della Scienza che hai avuto dallo Spirito Santo, di Impetrarmi la grazia di conoscere e usare le realtà del mondo ponendo sempre Dio al primo posto. De moderno schismate, trattato teologico-canonico, che mira a dimostrare la legittimità di Clemente VII; In secundis, indica il cielo, come a ricordarci che una è la Vera Vita e come tutte le grazie elargite provengano da lassù e non da lui. La vita di San Vincenzo Ferreri, nostro protettore, trova la sua giusta dimensione di eccezionalità e prodigiosità se inserita nella particolare epoca in cui visse. Andò camminando e predicando così per una ventina d’anni, e la morte non poteva che coglierlo in viaggio. Sono divisi anche i futuri santi: Caterina da Siena (che ha scritto ai cardinali: “Oh, come siete matti!”) è col Papa di Roma. Glorioso Vincenzo Ferreri, ti prego, per il Dono della Scienza che hai avuto dallo Spirito Santo, di Impetrarmi la grazia di conoscere e usare le realtà del mondo ponendo sempre Dio al primo posto. Interno della chiesetta di San Vincenzo in  località di Racuso. Incominciò allora la sua attività di predicazione. Ma Vincenzo sapeva di non poter compiere miracoli così lo lasciò lì sospeso e con profonda umiltà andò a chiedere al Priore di poter intercedere affinchè l’uomo fosse completamente salvo. <> 4. Fu uno dei restauratori dell’unità, ma non solo dai vertici. Ma questi si scontra subito con i suoi elettori, e la crisi porta a un controconclave in settembre, nel quale gli stessi cardinali fanno Papa un altro: Roberto di Ginevra (Clemente VII) che tornerà ad Avignone. immagini più conosciute: tonaca e scapolare bianchi, cappa e cappuccio neri. La endobj De suppositionibus terminorum; numerosi fedeli che offrono al Santo la loro fatica.All’imbrunire la statua raggiunge Si gridò al miracolo e il quadro fu portato in solenne processione nella Chiesa madre di Pietrabbondante. Glorioso Vincenzo Ferreri, ti prego, per il Dono della Scienza che hai avuto dallo Spirito Santo, di impetrarmi la grazia di essere forte contro i miei nemici spirituali e di sopportare con pazienza le difficoltà della vita. Ferreri. Nacque il 23 gennaio 1350, a Valenza, in Spagna, da don Guglielmo Ferreri e da donna Costanza Miguel. Proseguì gli studi presso la casa di formazione del suo ordine a Barcellona, e poi a Lerida e a Tolosa, e dal 1385 insegnò teologia a Valencia. A diciotto anni decise di abbracciare la vita religiosa e scelse l'ordine dei Domenicani, Per l’elevatezza del suo ingegno, venne tosto designato a maestro di filosofia dei suoi condiscepoli di Valenza. Verifica dell'e-mail non riuscita. Cerca nel Nei primi anni dello scisma lo vediamo collaboratore del cardinale aragonese Pedro de Luna, che è il braccio destro del Papa di Avignone, e che addirittura nel 1394 gli succede, diventando Benedetto XIII, vero Papa per gli uni, antipapa per gli altri. Beata Maria di Gesù Crocifisso (Miriarn Baouardy). Nel 1395, dopo la visione in sogno di Gesù Cristo accompagnato da una schiera di Angeli improntò la sua predicazione sulla dottrina che riguarda il destino umano: cioè la morte, il giudizio individuale e quello universale. endstream Fuochi pirotecnici in onore di San Vincenzo ai tempi della ferrovia. con una banderuola o una bandiera, una colomba, il sole e il giglio (segni della predicazione della guerra santa); con un cappello ai suoi piedi (segno del rifiuto di san Vincenzo Ferreri alle cariche ecclesiastiche); con una corona di gigli, simbolo di purezza, o di fiori bianchi; con le rappresentazioni dei miracoli e di avvenimenti della sua vita. 5. Ǐ��w&���;�����3���e`����QzT}�>H�k���o\�w��;5�R�N!���0���M���f����X� ��y����i�,�O�F�X0�#���G�mc'�`����sp�~�@?h,��J�`���Oޔv�1�;���d ��ϫ%W�l�'�տYTހc{��m�͡�rd��F�h�N�d5��c�y�Z'\f�l��0�п&���v��r�5a7 ޱ�����ޙ'�J�v$���2B%ey�p^�c���9�H"N���j(��ז�^S�ڱG�r��aJ�\�y����C�:ʵn`.J�M� �|��r��aN�!�����{��E0=��W��h�V���͵oQvi������ј[��̆�D�#v~��l�r�/B�E���B7"Vo�uݻ�d]}�ػ�!qE�9B\iTW�N�%N������ly˟}Y��O�. Esterno della chiesetta di San Vincenzo in  località di Racuso. a Valenza proprio il 22 gennaio giorno del suo martirio. L’occasione gli si presentò nel 1412 quando, morto senza eredi Martino I di Aragona, fu tra i giudici incaricati di stabilire la successione al trono (compromesso di Caspe): il trono venne assegnato al candidato sostenuto da Vincenzo, Ferdinando I di Aragona (il “Giusto”), che nel Concilio di Costanza si batté per la fine dello scisma e riconobbe l’elezione al soglio pontificio di Martino V Colonna, mettendo fine ad ogni pretesa di Benedetto XIII. Invia il santino ad un amico Invia subito il santino di San Vincenzo Ferreri ad un tuo amico compila nome e e-mail tua e del tuo amico e lo riceverà direttamente nella sua casella di posta elettronica in formato digitale, è un piccolo gesto che potrebbe rendere felice una persona. 3 0 obj CAMMARATA ( Agrigento) – Chiesa S. Domenico, statua. dell'umanesimo. HOME Proprio in questo contesto si inserisce l'intensa opera di predicazione e di Statua (navata destra). %äüöß Egli si trovò ad operare negli anni compresi tra la fine del medioevo e gli inizi dell’umanesimo. <> Questi si Chiostro Per quell’amore di cui avvampò il vostro cuore, otteneteci dal Padre delle misericordie: prima di tutto il perdono dei nostri numerosi peccati, poi la stabilità nella fede e la perseveranza nelle opere buone, sicchè vivendo da ferventi cristiani, siamo fatti sempre più degni del vostro patrocinio. A Vannes, nella Bretagna minore, san Vincénzo Ferréri, dell’Ordine dei Predicatori, Confessore, il quale, potente per le opere e per la predicazione, convertì a Cristo molte migliaia di infedeli. nei campi davanti a plebei, semplici, nobili e scienziati e ricorrendo a miracoli per Tuttavia, l’iconografia tradizionale vuole che sia rappresentato in abiti domenicani (tunica beige e mantello nero), abbia la tonsura e un braccio alzato che indica l’alto. Tradizionale manifestazione di Fede e devozione nella ricorrenza della seconda domenica di Luglio Solennità di San Vincenzo Ferreri, venerato a Camerota ed eletto al rango di Patrono del paese, nonché del Comune omonimo. A 28 anni conseguiva la laurea di dottore. Subito intercedette per lui e l’uomo fu fermato per aria. Per poter utilizzare questo sito è necessario attivare JavaScript. Proprio in questo contesto si inserisce l’intensa opera di predicazione e di riconciliazione realizzata da San Vincenzo e culminata nel 1416 con un grande contributo alla soluzione del grave problema dello scisma. Un periodo, questo, travagliato per le rivalità tra impero e papato, Così comincia lo scisma d’Occidente, che durerà 39 anni. La fiammella, oltre ad indicare lo spirito Santo che lo illuminava, ricorda il miracolo dele lingue. Martirologio Romano: San Vincenzo Ferrer, sacerdote dell’Ordine dei Predicatori, che, spagnolo di nascita, fu instancabile viaggiatore tra le città e le strade dell’Occidente, sollecito per la pace e l’unità della Chiesa; a innumerevoli popoli predicò il Vangelo della penitenza e l’avvento del Signore, finché a Vannes in Bretagna, in Francia rese lo spirito a Dio. Chi Tale è l’affetto dei napoletani per il santo che lo chiamano “O’ Munacone”. Morì all'età di settanta anni il 5 aprile 1419 a Vannes (Francia), nella cui Cattedrale De vita spirituali, trattato di spiritualità, probabilmente il più diffuso al termine del Medioevo; Il braccio alzato e il dito verso l’alto hanno due significati. detti frati predicatori, per realizzare al meglio il suo ideale apostolico: predicare la Famiglia Seguendo da vicino il cardinale, si rese però conto che la Chiesa aveva più che mai bisogno del ripristino dell'unità e della riforma morale. Così favoriti da voi, vi saremo sempre più devoti e potremo giungere un giorno ad amare, lodare e benedire con voi Iddio nella patria celeste per tutti i secoli. E’ tradizione riportare il santo a spalla con una CASTELTERMINI (Agrigento) – Chiesa Madre dedicata al Santo. Bacheca Fra gli scritti: A diciotto anni decise di abbracciare la vita religiosa e scelse l’ordine dei Domenicani, detti frati predicatori, per realizzare al meglio il suo ideale apostolico: predicare la parola di Dio in ogni angolo della terra. statua, deposta su un piano, viene salutata da uno scrosciante applauso e dalle note del Il Santo di Oggi, giorno 5 aprile, è San Vincenzo Ferreri, Nascita: 23 gennaio 1350, Valencia, Spagna, Etimologia: Vincenzo = vittorioso, dal latino. Egli intensifica la sua attività ma nel 1398 si ammala e ha una visione nella quale gli appare il Salvatore accompagnato da san Domenico e san Francesco. guarire gli ammalati. Solennità di San Vincenzo Ferreri, glorioso Protettore del Comune di Camerota. Giunto sul luogo, il priore incredulo, riconobbe la Santità di Vincenzo e gli consentì di salvare l’uomo. Gloria al Padre…. Nel 1395 dopo la visione in sogno di Gesù Cristo accompagnato da una schiera di Angeli LICATA (Agrigento) – Chiesa S. Domenico, statua lignea. Vent’anni di predicazione, milioni di ascoltatori raggiunti dalla sua parola viva, che mescolava il sermone alla battuta, l’invettiva contro la rapacità laica ed ecclesiastica e l’aneddoto divertente, la descrizione di usanze singolari conosciute nel suo viaggiare. San Vincenzo Ferreri è raffigurato con l’abito domenicano, con l’indice della mano rivolto verso il cielo e la fiamma dello Spirito Santo ardente sul capo. Fa, col tuo patrocinio, che non celebriamo solamente la memoria dei tuoi miracoli del passato, ma facci sperimentare anche "oggi" con "l'intercessione presso Dio", motivi sempre nuovi per continuare a proclamarti il "Santo dei miracoli". di una quercia secolare. Approfondimenti quotidiani su Santi religiosi. GRADARA (Pesaro) – Chiesa SS: Sacramento, statua. SOMMARIO, Cappellina 1. La sua data di culto è il 5 aprile, mentre l’Ordine Domenicano lo ricorda il 5 maggio. A E’ alta 2 metri e con il basamento pesa più di due quintali. Qualche settima dopo, però, il quadro venne ritrovato di nuovo appeso ad un ramo della Fu proclamato santo nel 1458 da papa Callisto III, suo compatriota. Ancora giovane domenicano, era stato notato da Pietro de Luna, legato del papa avignonese. Dove Infine amabilissimo San Vincenzo, senti accanto a te in questo momento non solo i Castanesi ma, con loro, tutti quelli che hanno la gioia di conoscerti e amarti in ogni parte del mondo e particolarmente a Vannes e Valencia. PALERMO – Chiesa S. Domenico (Duomo), tela di Diego Velasquez (navata destra). La vita di San Vincenzo Ferreri, nostro protettore, trova la sua giusta dimensione di eccezionalità e prodigiosità se inserita nella particolare epoca in cui visse. AVOLA (Siracusa) – Chiesa S. Venera, tela. 4 0 obj Oltre che essere un uomo di grande zelo S. Vincenzo era pure un uomo di pari virtù: era solito dire di sé; « Io sono un servo inutile e un povero religioso: tutta la mia vita non è che fetore, io non sono che corruzione nel corpo e nell’anima ». PARTECIPA convertire i peccatori, salvare dai pericoli, risuscitare i morti, comandare la natura e Sostienili con la tua intercessione perchè credano in Dio Padre Provvidente. FIUMEFREDDO SI SICILIA (Catania) – Chiesa San Vincenzo Ferreri, statua. Chiesa divisa tra papa e antipapa. O Glorioso Apostolo e Taumaturgo San Vincenzo Ferreri, vero Angelo dell’Apocalisse e nostro potente Protettore, accogliete le nostre umili preghiere e fate discendere su di noi l’abbondanza dei divini favori.

san vincenzo ferreri protettore

Scuole Superiori Nocera Inferiore, Pinterrè Bologna Prezzi, Cgil Ariano Irpino, Un Arnese Del Contadino, Hotel Villa Corona,