Lo sapete che io sono appassionata di Pole Dance, lo pratico da quasi tre anni. Alla base di questo sport c’è un allenamento total body. Ogni muscolo del corpo viene stimolato con degli allenamenti specifici, effettuati ancor prima di salire sul palo. Per la pausa estiva però mi sto dedicando esclusivamente all’allenamento total body ed al nuoto per incrementare un po’ di cardio e contrastare gli effetti del caldo, come il gonfiore o il ristagno dei liquidi.

Per chi vuole mantenersi in forma senza praticare uno sport specifico, consiglio vivamente l’allenamento total body: un’attività fisica completa sotto tutti i punti di vista. Per total body s’intende, infatti, un allenamento in grado di allenare tutti i muscoli del corpo in una singola sessione. A differenza dei canonici allenamenti in palestra dove l’allenamento viene suddiviso per aree del corpo e gli esercizi sono spalmati nell’arco di una settimana, l’allenamento total body prevede una serie di esercizi in grado di allenare tutti i muscoli del corpo in una volta sola. Comodo no? In sintesi, il full body prevede il raggiungimento di diversi obiettivi: in una singola sessione si sviluppa sia la forza che la resistenza, puntando tanto alla tonificazione dei muscoli che al dimagrimento.

Gli esercizi fondamentali nell’allenamento total body

Per riuscire a portare a termine un allenamento completo di questo tipo è necessario svolgere degli esercizi specifici ed eseguirli correttamente per evitare spiacevoli sorprese. Secondo il parere dei personal trainer più esperti l’allenamento fitness più indicato ad allenare tutti i muscoli del corpo prevede in primis il sollevamento o stacco da terra dei pesi, utile per allenare cosce, glutei e schiena. Un secondo esercizio altrettanto completo è lo squat, ideale per allenare perlopiù gambe e glutei insieme ai lombari. Altri esercizi specifici sono gli affondi e le flessioni: i primi servono a rafforzare soprattutto i muscoli delle gambe e migliorano l’equilibrio dato che vengono eseguiti in bilico su una singola gamba. I secondi, invece, servono per allenare spalle, petto e tricipiti. Un altro movimento molto importante per il proprio benessere psico-fisico è quello delle trazioni: a giovarne sono soprattutto i muscoli posturali. Altri esercizi total body molto utili a mantenerci in forma sono il ponte, i sollevamenti laterali e il push-up.

Perché è importante fare un allenamento full body?

Rispetto agli allenamenti split a giorni alterni, gli esercizi full body presentano diversi vantaggi. In primo luogo consentono di bruciare più grassi in minor tempo poiché sono particolarmente intensivi. Fossi in voi li preferirei anche per un secondo vantaggio: aumentano la forza senza per questo gonfiare troppo i muscoli. Fra gli altri benefici del total body troviamo il risparmio in termini di tempo: gli esercizi e le sessioni sono massimizzati e concentrati, perché si punta tutto sulla qualità e non sulla quantità. Infine, gli allenamenti full body permettono di personalizzare meglio le sessioni, senza rischiare di lasciare dei buchi relativi al mancato allenamento di certi gruppi muscolari.

Poi, ovviamente, il tipo di allenamento migliore sarà sempre quello che più si adatta alle proprie necessità o alla propria condizione fisica di partenza. A questo proposito c’è da dire che un allenamento full body è perfetto anche per chi pratica attività fisica in maniera sporadica e non ha una costanza vera e propria.