Oggi vi racconto di una delle mete visitate durante questa Estate ; Scario, vero e proprio diamante del Cilento. Una meta perfetta per l’estate e che trovo sia un posto meraviglioso da visitare anche a Settembre ed Ottobre.

Scario si affaccia sul Golfo di Policastro, nel versante sud del Cilento, a due passi dal confine con la Basilicata. Nonostante sia la meta di molti turisti che se ne sono innamorati, rimane comunque un paese di mare estremamente tranquillo, senza la confusione solita del turismo di massa.

La mia permanenza a Scario è stata ricca di esperienze. Il paese infatti offre tante di quelle attività che è davvero impossibile annoiarsi.

Per soggiornare abbiamo scelto Casa Federica, un appartamento grande e ben arredato, dotato di tutti i confort (nonchè di una fantastica terrazza, ideale per deliziose colazioni vista mare).

Appena arrivati – di sera – ci siamo regalati una romantica passeggiata lungo il corso di Scario fatto di case colorate che profumano di mare.  Per cena abbiamo scelto il Moses, un piccolo ristorante che propone pesce di giornata e tanti piatti tipici del Cilento.

Dopo una rapida passeggiata siamo andati a nanna, era necessario riposarci per tutte le cose che dovevamo fare i giorni successivi.

E così la mattina successiva – molto presto – ci siamo alzati per andare nelle splendide spiagge lungo la costa di Scario. Spiagge piuttosto riservate, anche perchè sono accessibili solo via mare, grazie ad un battello che effettua una sorta di servizio charter continuativo.

Le spiagge ovviamente ce le siamo girate un po’ tutte. Le nostre  preferite sono state la spiaggia dei Gabbiani e la Spiaggia dei Francesi. Qui abbiamo trovato un piccolo ristorantino locale gestito da un contadino ed allevatore di zona, un personaggio particolarissimo. Nel ristorantino, allestito dove la spiaggia comincia ad arrampicarsi tra le montagne, oltre ad esserci un’ombra ed un fresco incantevole, le panche ed i tavoli di legno rendono l’atmosfera informale ed allegra.

Vorrei raccontarvi dell’acqua del mare :  un’acqua trasparente, cristallina, nella quale era possibile vedere un numero incredibile di pesci. Non avevo mai visto niente di simile in Italia ; impossibile non farsi lunghi e piacevoli bagni.

Come vi dicevo, tra le attività che è possibile svolgere a Scario, noi ne abbiamo scelte due, proposte sempre da Casa Federica. La prima è stata un corso per realizzare sapone artigianale. Un pomeriggio assolutamente memorabile, tra risate, tentativi, precisione e tanta voglia di imparare nel solco di una tradizione secolare. Dovete sapere infatti che a Scario da sempre le donne ancora si auto-producono il sapone, sia per il corpo che per lavare gli abiti. Una tradizione che si tramanda da madre in figlia e che si spera non venga mai persa.

Sempre in tema di tradizioni, appena si è fatta sera ci siamo regalati un’altra cena a base di specialità classiche del Cilento. Ho mangiato una delle paste e ceci più buone mai assaggiate, tanto che non ho resistito a prendere una doppia porzione. La pasta fatta in casa, i crostini croccanti, la crema di ceci. Era tutto così delizioso. Per non parlare dei salumi, dei formaggi, delle Melanzane Ripiene e degli immancabili dolci di pasta di mandorle.

Cucinare a Scario è in realtà un momento di condivisione, di famiglia. Ci si riunisce e si cucina tutti insieme. E’ un qualcosa che fa bene al cuore.

Proprio per questo non abbiamo rinunciato ad un’altra delle attività proposte da Casa Federica ovvero la cooking class. E così ci siamo regalati una lezione per imparare a fare i Cavatelli. A spiegarci passo dopo passo cosa fare la bella quanto brava a cucinare Liliana De Simone ,fashion e food blogger, nonchè un “team” di signore del posto. I miei Cavatelli sono andati migliorando verso la fine, almeno credo 😀 il sapore però, una volta cucinati con il sugo, era davvero strepitoso.


Non vorrei parlarvi solo del cibo, anche se vi garantisco che meriterebbe ancora qualche riga per quanto era speciale.

Voglio invece raccontarvi della visita al santuario della Madonna tra i Sassi, dove abbiamo trovato una incredibile scultura ricavata nella roccia. Un luogo suggestivo e che regala tantissima pace.

Non lontano da lì, al Pianoro Ciolandrea abbiamo ammirato una vista mozzafiato di tutto il Golfo di Scario. Un panorama unico, in grado di abbracciare quattro regioni : la Campania, La Basilicata, la Calabria e la Sicilia (si : quando non c’è foschia si riesce persino a vedere la Sicilia).

Scario in pochi giorni ci ha dato davvero tanto. Non abbiamo avuto tempo per farlo, ma avremmo potuto dedicarci un po’ anche al trekking, grazie ad una serie di percorsi a diversi livelli di difficoltà.

Insomma : un viaggio pieno di emozioni ed un luogo che ci ha donato molto. Se avete modo e voglia di visitare uno splendido posto di mare, dove c’è molto altro oltre al mare, Scario è senza dubbio una meta da non perdere.

Per organizzare al meglio il viaggio, seguite i suggerimenti di Italia Nascosta. Cliccate QUI e troverete tutte le informazioni utili per una vacanza perfetta.