Tampone bambini Roma :

Un post di servizio sulla situazione relativa al tampone bambini a Roma, dal momento che in tanti mi avete chiesto informazioni sulla nostra recente esperienza in proposito.

Al ritorno dalla fiera del turismo Isabelle (21 mesi) ha iniziato ad avere un po’ di tosse, seguita nei giorni successivi da febbre a 38. Durata 2/3 giorni. Non ho pensato fosse Covid perché in fiera faceva molto caldo, ma uscivamo spesso per prendere una boccata d’aria e per far vedere le fontane alla piccola e fuori invece le temperature erano abbastanza basse. Ho subito pensato quindi ad un colpo di freddo.

Essendo una delle primissime influenze di Isabelle ho voluto contattare il pediatra per farmi consigliare. Il pediatra una volta passata la febbre ha voluto vedere Isabelle. Ci ha tenuto subito a tranquillizzarci, dicendoci che – a suo parere – non si trattava assolutamente di Covid ; comunque nel il rispetto delle regole vigenti, abbiamo eseguito il tampone per poter far rientrare Isabelle all’asilo nido.

La ricerca della struttura giusta è stata un’impresa, cominciata sul web cercando semplicemente tampone bambini Roma : quello che volevamo più di ogni altra cosa era un’esperienza il meno invasiva possibile. Dopo diverse ricerche, io e Francesco abbiamo pensato che il luogo più adatto alle nostre esigenze fosse l‘ospedale pediatrico Bambino Gesù. Il famoso polo del Gianicolo – infatti – ha aperto uno specifico reparto per i tamponi nel quartiere San Paolo a Roma.

Abbiamo chiamato la mattina con la prescrizione del medico. L’appuntamento ci è stato dato per il giorno stesso. Così alle 16.40 eravamo davanti l’ospedale dove – con un cartello – veniva chiesto di seguire il percorso indicato sul pavimento con un tracciato rosso. Accesso consentito ad un solo genitore, così sono entrata io. Dopo pochi metri mi sono ritrovata in una sala con infermieri già pronti a fare il tampone alla piccola. Non è stato necessario nemmeno toglierla dal marsupio.

Rapidissimo, zero fila, zero attese, tampone indolore. Il tampone è stato fatto all’interno della narice e non in profondità come per quello classico.

In tutto abbiamo impiegato 3 minuti appena.

L’unica nota negativa è che a quattro giorni dal tampone ancora non ci hanno inviato il referto. Nota importante : per i referti di questo ospedale occorre la Carta della Salute ; una sorta di account online dove vedere tutti i risultati. Anche questo – purtroppo – non ci era stato comunicato. Lo abbiamo scoperto da soli.

Oggi- a distanza di 4 giorni – ci è stato detto di attendere. Ma di non preoccuparci, in quanto tutti i positivi vengono rapidamente ricontattati. Di solito.

In tutto questo, Isabelle non può rientrare all’asilo, io non posso lavorare per rimanere a casa con lei.  Rimaniamo in attesa, fiduciosi. Vi terrò aggiornati. Nella speranza di poter far rientrare la piccola al nido questa settimana.

A distanza di poche ore da quando ho scritto questo post sono arrivati i risultati. Il tampone di Isabelle è risultato negativo! Domani la piccola rientrerà all’asilo nido. 🙂

Spero che la nostra esperienza sia utile alle mamme che stanno cercando informazioni!