Dopo aver sposato il progetto di Italia Nascosta, dopo aver visitato ville, scoperto cascate, ammirato laghi e monti, ci si siamo spostati ed innamorati del mare. Il mare della Campania. Abbiamo passeggiato, ci siamo emozionati, abbiamo nuotato e mangiato le prelibatezze della Costiera Amalfitana.

COSTIERA AMALFITANA

Il nostro “campo base” è stato Atrani, nell’accogliente hotel Palazzo Ferraioli. Atrani è meravigliosa e molto diversa dagli altri paesi della Costiera. E’ il più piccolo comune d’Italia e forse anche il meno turistico rispetto alle altre mete come Amalfi, Positano ecc..

Il piccolissimo paese fatto di casine bianche è principalmente vissuto dagli abitanti e non dai turisti. Ragazzi che con una borsa sulla spalla contente un asciugamano ed un panino scendono in spiaggia per passare la giornata con gli amici. E non importa se hai dieci, venti o quaranta anni. Qui il mare fa diventare tutti bambini. Ci si diverte. Si gioca alla lotta in mare, a fare tuffi. Difficilmente si sta sdraiati in spiaggia per più di qualche minuto.

Costiera AmalfitanaCostiera Amalfitana

La gente del posto si vuole bene e se lo dice, ad alta voce, da un balcone alla strada. E ci si saluta con un “Forza Napoli!” al quale si deve rispondere con un “sempre forza Napoli!”. 

Costiera Amalfitana

Abbiamo assaggiato la squisita cucina del ristorante “Le Arcate”, che si trova proprio vicino al mare. Dove si può mangiare ed ascoltare il dolce rumore delle onde.

Da Atrani per arrivare ad Amalfi sono pochissimi minuti a piedi. Qui si respira un’aria diversa. Il paese è pieno di gente ed energia. I vicoli bianchi sono colorati dalle “vetrine” allestite spesso sui muri con abiti da mare e sandali artigianali. Impossibile non fermarsi ad assaggiare la granita ai limoni di Amalfi o una delizia al limone nell’elegante pasticceria nella piazza. 

Per il pranzo il ristorante Da Gemma si è rivelato la giusta scelta. Che bontà i ravioli con ricotta di pecora, pomodorini e basilico.

Costiera Amalfitana

Dal pontile si riesce ad ammirare quasi tutta la magia di Amalfi che di notte sembra un presepe.

Non potevamo non vedere Positano, meta scelte per le vacanze da moltissime persone proprio per la bellezza di questo posto. Locali, ristoranti, negozietti, ma soprattutto ville incastrate nella montagna, buganvillee colorata sui muri bianchi, il profumo dei limoni ed i gatti sonnecchianti al tramonto del sole. Ed io un po’ come i gatti, seduta sul molo, ho ammirato la luce rosata del crepuscolo, che si poggiava sul mare.

Praiano non era tra le mete che avevamo deciso di visitare, ma il caso ci ha fatto un dono bellissimo e così ci siamo fermati qui per la cena.

Scesi in spiaggia cercando un ristorante ne abbiamo trovati ben quattro. Ciò che però ha colpito la nostra attenzione è stata la montagna che dal mare sembrava abbracciare la spiaggia. Avevo già visto questo posto. La mia memoria fotografica difficilmente mi inganna. Poi mi sono ricordata, c’era stata qualche mese fa Eleonora di Neovecchiostile e consigliava un ristorante: “da Armandino”. Qui ho assaggiato dei favolosi Scialatielli allo scoglio, piatto che ho preso spesso in questo viaggio.

Il mare era argentato. Merito di una luna piena che toglieva il fiato ed illuminava delicatamente il posto ed i visi di chi cenava. Sembrava di mangiare a lume di candela, ma in un modo ancora più romantico. Praiano è uno di quei posti che mette voglia di fare l’amore per poi rimanere svegli il resto della notte ad indicare le stelle più luminose.

Dirigendoci verso Vietri sul mare ci siamo fermati a Minori e Cetara. Nel primo paese abbiamo passeggiato fino ad arrivare “Al Giardiniere”, un ristorante molto bello e che presta una particolare cura alla cucina ed alla scelta dei prodotti utilizzati.  Abbiamo mangiato in modo divino.

Costiera Amalfitana

Nel secondo paese invece siamo saliti più in alto che potevamo per ammirare la cupola.

Costiera Amalfitana Quasi tutti i paesi della Costiera Amalfitana hanno una cupola decorata con le ceramiche del posto, ma quella di Cetara a parer mio è la più bella di tutte. E’ di un bellissimo verde brillante ed è impossibile non vederla anche dal mare. Cetara oltre che per la cupola è molto famosa per la colatura di alici. Nel paese c’è un negozietto “Delfino” che vende tutti i suoi prodotti di mare in barattolo. Abbiamo acquistato tantissime cose buone a base di alici, ma anche del tonno (che anche se non è Campano, pescano e lavorano loro). I prezzi sono ottimi e per niente turistici. La qualità ottima.

Costiera Amalfitana

L’ultima tappa è stata nella incantevole Vietri sul mare. Chi visita la Costiera Amalfitana deve assolutamente fermarsi qui, almeno qualche ora. Vietri è il paese della ceramica. Piatti, maioliche, cestini di frutta, quadretti ed oggetti in ceramica sono caratteristici qui. Girare per i vicoli di Vietri è fonte di ispirazione e creatività. Le innumerevoli botteghe espongono i loro oggetti e colorano così il paese.

Se ci andate vi consiglio di scendere le scale della Villa Comunale. Anche qui la ceramica la fa da padrone, con tante piccole mattonelline colorate e brillanti che enfatizzano ancora di più l’azzurro del mare.

La Costiera Amalfitana ci rivedrà molto presto, ci sono paesi come Furore che meritano di essere visti, immortalati e vissuti. Il profumo del basilico e dei limoni, i colori delle ceramiche, l’azzurro del mare, sono solo alcune delle caratteristiche di questa bomboniera al sud dell’Italia.

Costiera Amalfitana

Spero con questo post di avervi fatto viaggiare un po’ con noi. 


Costiera AmalfitanaCostiera Amalfitana Costiera Amalfitana
Costiera Amalfitana Costiera Amalfitana Costiera Amalfitana Costiera Amalfitana Costiera Amalfitana Costiera Amalfitana Costiera Amalfitana Costiera Amalfitana Costiera Amalfitana Costiera Amalfitana Costiera Amalfitana Costiera Amalfitana